Uncategorized

Giocare ai casino e’ peccato per gli Ebrei?

Il gioco d’azzardo è un’attività a scopo di lucro, in cui si vince e si perde in relazione soprattutto alla fortuna, e l’abilità ricopre un ruolo marginale. Un esempio classico è il gioco del casino, che attrae moltissime persone. Il motivo per cui questa azione sia così diffusa è duplice. La tentazione di giocare per poter accumulare velocemente denaro è sicuramente al primo posto, ma anche il concetto di rischio e gioco in sé attrae un gran numero di persone.

I casino online: come funzionano i siti per giocare con soldi veri?

Un ottimo modo per giocare piccole somme di denaro senza neanche dover uscire di casa, è l’utilizzo di casino online con soldi veri. Esistono molti siti online dedicati proprio a questo, dove, iscrivendosi e caricando una somma di denaro minima sul proprio account, si ha accesso ad un portale dedicato, che offre centinaia o migliaia di giochi a cui dedicarsi.

Per partecipare ad ogni gioco c’è una somma minima da puntare, che viene prelevata da quella versata in partenza, e le eventuali vincite si andranno a sommare alla stessa. Quando si decide di smettere di giocare, la somma rimanente nel portafoglio virtuale, che potrà essere inferiore o superiore a quella di partenza, può essere prelevata e utilizzata nella vita di tutti i giorni.

Il gioco del casino per gli ebrei

Dal punto di vista religioso, il gioco d’azzardo è visto in maniera controversa. Bisogna innanzitutto fare una differenziazione tra i vari generi di gioco d’azzardo, in quanto anche la Bibbia affronta questo tipo di separazione. In una scommessa si punta una somma di denaro, con la speranza di moltiplicarla, ma al contempo con il rischio di perderla. I giochi d’azzardo sono di diverso tipo, e mentre alcuni vengono svolti all’interno di strutture dedicate, come il casino, altri si basano su sistemi differenti.

Gioco d’azzardo dentro e fuori il casino

In un casino vi si trovano giochi di carte, roulette, slot machine. L’ambiente è generalmente molto curato e luminoso, e al suo interno viene servito tutto ciò che può aiutare a trattenere la gente. Si offrono e vendono snack e bevande alcoliche, per far sì che la gente si ubriachi e perda il controllo delle proprie azioni, in modo da non porsi freni di fronte alla spesa di un’ingente somma di denaro. Si può affermare che all’interno di un casino sarà difficile limitarsi a rischiare solo pochi euro.

Altri giochi d’azzardo invece, sono le scommesse sportive, in cui si possono giocare tranquillamente pochi euro a match, o giochi quali quello del Lotto e i Gratta e Vinci. Questo genere di giochi d’azzardo risulta essere più facilmente gestibile e controllabile dall’utente stesso.

Giochi d’azzardo consentiti

Secondo quanto scritto nel sacro testo, non vi è nulla che proibisca in modo assoluto il gioco d’azzardo, e di conseguenza, i giochi da casino. Ciò su cui punta il testo invece, è l’utilizzo che si fa del denaro e l’attaccamento nei suoi confronti. Secondo la Bibbia infatti, l’uomo non dovrebbe mostrare attaccamento al denaro, e scommettere per cercare di acquisirne una somma sempre maggiore va contro il pensiero religioso ebraico.

Inoltre, viene considerato l’aspetto relativo alle scommesse dirette. Quando si fa del gioco d’azzardo vi è sempre una scommessa tra due parti, in cui la parte che risulterà vincitrice della stessa ha il diritto di prendere una somma di denaro da chi invece perde. Lo sconfitto non cede mai i propri soldi con gioia e, in alcune occasioni, questa perdita di denaro influisce in maniera fortemente negativa sulle sue finanze, causandogli problemi seri.

Secondo la Bibbia, questo è un aspetto fortemente negativo di questa tipologia di gioco, in quanto si tramuta in sottrazione di denaro a persone bisognose, azione quasi comparabile ad un furto, per quanto le due parti fossero d’accordo sin dal principio.

Da questo punto di vista, questo dettaglio potrebbe essere irrilevante nei Casino, in quanto sono strutture che possiedono notevoli quantità di denaro, le cui perdite sono infinitesimali rispetto all’enorme quantitativo di vincite. Le scommesse sono un comportamento che invece risulta negativo per la visione ebraica, quando si tratta di scommesse tra pari, o comunque tra singole persone.

L’amore degli Ebrei per il denaro

Un altro aspetto su cui la Bibbia calca la mano, soprattutto nella visione ebraica, è l’utilizzo che si fa del proprio denaro. Lo stesso dovrebbe sempre essere in primo luogo utilizzato per la propria sussistenza e quella delle persone amate. Quando, per via del gioco d’azzardo, si spendono grandi somme di denaro, restando senza quantitativi sufficienti per il proprio sostentamento, o per azioni di maggior valore morale, è indubbio che questa pratica venga fortemente criticata.

Il gioco d’azzardo viene di conseguenza ritenuto sbagliato nel momento in cui ci si fa prendere troppo la mano, e si rischiano soldi che invece andrebbero usati diversamente. Alcuni tratti del Sacro Testo ricordano anche come una ricchezza acquisita improvvisamente, senza impegno, e di grande entità, sia destinata a sparire, mentre ha molto più valore la ricchezza acquisita con l’impegno e a piccole dosi.

L’amore per il denaro è l’aspetto considerato maggiormente negativo da questo punto di vista. L’uomo dovrebbe vedere il denaro solo come fonte di sostentamento e non come indice di superiorità nei confronti di chi è meno abbiente. Quando si possiede il denaro necessario per vivere e sostentarsi, non è necessaria la ricerca di denaro ulteriore, soprattutto se questa implica il rischio di perdere ciò che abbiamo.

In sostanza, per quanto riguarda i giochi d’azzardo in generale e il casino nello specifico, non vi è niente che vieti agli ebrei di prendervi parte, se le scommesse restano limitate, e non privano il giocatore di denaro che potrebbe essere utilizzato in modo migliore. Quindi anche l’utilizzo morigerato di un Casino Online è un’azione non perseguita.

I migliori romanzi ebraici

Nell’ambito della letteratura ebraica sono stati scritti testi di varia natura: racconti sulle guerre e sull’olocausto, che analizzano nel dettaglio l’identità ebraica, e la presentano a chi non ha vissuto in prima persona la loro persecuzione; relazioni storiche sulla Shoah, e rappresentazioni dettagliate sul mondo ebraico e l’ebraismo dal punto di vista storico e personale; ma anche romanzi di narrativa, antica e contemporanea, poesie e molto altro.

Tra i numerosi testi reperibili su questo argomento, ve ne sono alcuni che sono considerati intramontabili, e qui vi elenchiamo i migliori:

  • Cani e lupi, Irène Némirovsky
  • Lettera al padre, Franz Kafka
  • I giorni del mondo, Guido Artom
  • L’arpa di Davita, Chaim Potok
  • La terra degli ebrei, Else Lasker Schueler

Cani e lupi, Irène Némirovsky

Il romanzo è ambientato inizialmente nel ghetto degli ebrei poveri di Kiev, nel 1914. Qui viveva Ada, con il padre, trafficante, e il nonno. Dall’altro lato della città c’erano invece le case della comunità ebraica arricchita, riuscita a sfuggire alla terribile situazione del ghetto.

Durante un’incursione in quest’area, Ada capita davanti alla casa di una famiglia di cugini; entrandovi si imbatte in un ragazzino, Harry, che ha più o meno la sua età, e ne resta folgorata.

Purtroppo però i due non si rivedranno fino a molti anni dopo, a Parigi. Ada vi si era trasferita con Ben, suo amico da sempre, per fuggire da una realtà disastrosa e con la speranza di un futuro migliore. Lì i due si sposano, per regolare la loro posizione.

Harry vi si è trasferito invece con la famiglia, in seguito alla morte del padre. Grazie alle opere d’arte che Ada inizia a dipingere, la ragazza viene notata proprio dallo stesso Harry, che quando la incontra la riconosce e i due, seppur clandestinamente, possono finalmente stare insieme.

Sia Ben che Harry vengono coinvolti in problemi finanziari che interessano l’attività bancaria degli zii di Harry, e mentre il primo è costretto a scappare in Sud America, il secondo rientra nei ranghi della famiglia, da cui Ada si deve allontanare.

La ragazza trova rifugio in Europa orientale e partorisce il figlio di Harry, rendendosi conto che l’arte e la famiglia sono le uniche cose di cui ha bisogno.

Il testo si propone di descrivere tutti gli aspetti dell’ebreo, con i suoi pregi e i suoi difetti, presentati senza alcuna vergogna, in quanto l’autrice dichiara come in letteratura tutto sia permesso.

Lettera al padre, Franz Kafka

Si tratta di una lettera reale che Franz Kafka ha scritto al proprio padre nel 1919, ma che non è mai stata inviata. È stata pubblicata poi postuma nel 1952. Nella lettera, Kafka si propone di spiegare al padre come mai ha paura di lui, indicando al contempo come questo gli verrà impossibile, da un lato proprio per la paura stessa che il genitore gli provoca, e per il timore delle conseguenze, dall’altro lato perché le conoscenze dell’autore non si spingono abbastanza lontano.

Questo testo è considerato la chiave di lettura di tutta la letteratura kafkiana e delle sue tematiche talvolta oscure, complicatissime da comprendere all’interno dei suoi romanzi, pervasi da stili oscuri e surreali. All’interno di queste righe l’autore presenta il complicato rapporto con un padre oppressivo e autoritario, e quanta predominanza nella vita di Kafka abbia avuto questa persona.

I giorni del mondo, Guido Artom

Uscito nel 1981, il romanzo di Artom si propone di presentare tramite racconti differenti che narrano vicende avvenute all’interno della comunità ebraica di Asti, la realtà della vita ebraica nel territorio piemontese, in quel periodo che va dall’epoca Napoleonica all’Unità d’Italia. La narrazione, all’interno del testo, è capace di riunire passato e futuro.

L’arpa di Davita, Chaim Potok

Questo romano è ambientato nella New York degli anni ’30, dove vive Ilana con i genitori immigrati, una madre ebrea, e il padre cristiano. Entrambi i genitori non sono professanti della propria religione, e anche per questo motivo si appassionano fortemente alla politica, entrando a far parte di un partito. Rientrato in Spagna per la guerra, il padre di Ilana muore a Guernica, e la bambina, che all’epoca ha solo otto anni, inizia ad interessarsi alla religione ebraica, che la aiuta a crescere e a conoscersi meglio.

Nel corso del racconto, oltre a dover superare la perdita del padre, che affronta anche grazie alla religione, la ragazza dovrà affrontare anche un ulteriore ostacolo dovuto al suo sesso, quando le viene negato un premio letterario proprio per il fatto di essere donna.

Il racconto descrive le difficoltà che devono essere affrontate da chi è parte di una minoranza, tanto più se donna, e al contempo affronta il punto di vista della religione. L’arpa del titolo si riferisce allo strumento che la bambina vede come costante nei suoi continui spostamenti da una casa all’altra, ed è ciò che la lega alla sua famiglia e le dà senso di ‘casa’.

La terra degli ebrei, Else Lasker Schueler

Al contrario dei romanzi precedenti, questo testo non è dedicato al racconto di vicende e protagonisti umani con le loro difficoltà. Si propone invece di descrivere la terra dell’ebraismo, la Palestina, con l’intento di rivelarla. Ciò viene fatto presentandola come la Terra della Bibbia, e di conseguenza, come terra religiosa a tutti gli effetti.

Il racconto narra di un viaggio dalla terra d’Egitto alla Palestina, e il percorso di una donna che ha perso tutti gli affetti più cari. Viene narrato con un linguaggio fiabesco, quasi mistico, che non può che rendere le descrizioni di quei luoghi ancora più magiche.

Lo studio della lingua ebraica

La lingua ebraica, nella sue versione classica o biblica, è la lingua con cui è stata scritta la Bibbia. La stessa lingua veniva usata dagli ebrei per comunicare nella vita di tutti i giorni, fino a circa 2300 anni fa, quando cadde in disuso e venne sostituita dall’aramaico.

Due millenni dopo, si decise di reintrodurre l’uso di questa lingua all’interno dello stato d’Israele, per quanto molte persone tuttora non siano pienamente d’accordo ad usare una lingua sacra nel linguaggio quotidiano. La lingua parlata al giorno d’oggi differisce leggermente da quella antica, e l’ebraico moderno viene usato in qualunque ambito linguistico contemporaneo.

Vi è un numero sempre crescente di persone che decidono di avvicinarsi allo studio della lingua ebraica, anche se non legate ad essa per motivi culturali o religiosi. L’ebraico non è una lingua che può agevolare le persone nella ricerca di un lavoro, né aprire le porte a numerose differenti opportunità.

Sicuramente però, lo studio di questa lingua amplia le conoscenze e gli orizzonti in campo semitico e soprattutto, se si decide di dedicarsi allo studio dell’ebraico antico, permette di leggere la Bibbia nella sua versione originale, per poterla analizzare in totale autonomia, senza intermediari.

Chi si dedica allo studio dell’ebraico?

Proprio per i motivi sopra citati, le persone che decidono di studiare l’ebraico sono per la maggior parte adulti, spesso pensionati, che hanno molto tempo libero da dedicare alle proprie passioni. Anche come conseguenza di ciò, non sono molti i corsi universitari disponibili per affrontare lo studio di questa lingua. Si trovano però corsi di ebraico presso molte realtà universitarie italiane, come ad esempio a Milano, Bologna, Napoli e Pavia, per citarne alcune.

Generalmente, in questi casi, si propone lo studio dell’ebraico moderno, anziché di quello antico. Entrambe le versioni di questa lingua possono però essere studiate tramite corsi tenuti da musei ebraici, scuole private e associazioni dedicate. Le tipologie sono le più disparate e si possono trovare in tutte le maggiori città italiane.

Una interessante alternativa è la possibilità di seguire lezioni online e a distanza, così da poter organizzare al meglio il proprio tempo e senza doversi muovere da casa. Anche studiare da autodidatti è un’alternativa da prendere in considerazione.

Testi utili allo studio della lingua ebraica

Per chi volesse provare a studiare questa lingua, o per chi già da anni ne è affascinato e ha imparato le basi, vi sono molti libri di grammatica utili per poter migliorare il proprio livello. Qui di seguito ne elenchiamo alcuni che potrebbero esservi di notevole aiuto, qualunque sia il vostro livello di conoscenza della lingua.

Grammatica di Ebraico Biblico di J. Weingreen

Questa grammatica è da anni riconosciuta come una delle migliori per l’apprendimento delle basi dell’ebraico biblico, ed è finalmente disponibile anche in italiano. La stessa agevola lo studio della lingua tramite l’utilizzo di numerosi esercizi basati su stralci della stessa Bibbia, per quanto resi possibili da eseguire anche per dei principianti. Lo studio andrà di pari passo con l’analisi del testo sacro, che alla fine del libro, sarà molto familiare al lettore.

Grammatica ebraica di Doron Mittler

Essendo non particolarmente semplice da comprendere, questo testo è molto utile per degli studenti universitari che vogliano usarlo come supporto ai propri libri, e per tutti coloro che sono abituati a testi accademici e soprattutto abbiano una forte passione e forza di volontà che li portano ad approcciarsi allo studio di questa lingua.

Il testo si propone di insegnare sia l’ebraico classico che quello moderno, anche se pone l’attenzione maggiormente sul secondo. La sua impostazione è particolarmente rigida e schematica, e gli argomenti vengono proposti in maniera tradizionale. Non si presenta come il testo migliore per imparare le basi in breve tempo, ma necessita di tempo e di uno studio approfondito

Grammatica della lingua ebraica di Antonio Carrozzini

Questo testo è stato pubblicato per la prima volta negli anni 50 e le continue riedizioni lo portano ad essere uno dei testi maggiormente utilizzato per avvicinarsi all’ebraico biblico.

Dopo una prima parte dedicata ad un’introduzione storica, il libro si divide in tre grosse sezioni, dedicate a fonetica, morfologia e antologia. Quest’ultima parte presenta testi tradotti e analizzati nel dettaglio, per accompagnare lo studente nell’apprendimento.

Grammatica della lingua ebraica di Pietro Magnanini

Questa grammatica si differenzia dalle altre in quanto più che puntare su una delle due lingue ebraiche, mette in evidenza le differenze tra l’ebraico antico e moderno. Va perciò ad analizzarne gli stili e le regole, utilizzando come esempio conversazioni di ambito quotidiano, per evidenziarne i punti che caratterizzano le due lingue.

Il testo è costituito di due parti che analizzano fonetica e morfologia della lingua, seguite da capitoli dedicati agli esercizi di traduzione, paradigmi verbali, glossario e una sezione dedicata all’antologia, in cui vengono presentati brani tratti dalla Bibbia, e altri di origine contemporanea di livello elementare. Non è un testo che va nel dettaglio dei tecnicismi della lingua, ma è sicuramente un ottimo volume per avvicinarsi allo studio di questa lingua antica.

Traduco e imparo l’ebraico. Lettura guidata di un racconto di S. Yizhar con glossario e grammatica di Anna Linda Callow

Per chi avesse già dei rudimenti di grammatica ebraica, questo libro si propone di approfondirne la conoscenza tramite l’analisi di un testo di uno degli autori più rappresentativi della letteratura ebraica, S. Yizhar. Tramite l’analisi di questo racconto, si aiuta lo studente ad affrontare in maniera graduale le sempre maggiori difficoltà che egli può incontrare nello studio di questa lingua.

Ebraismo e gioco online: agli Ebrei e’ permesso giocare alle slot machine?

Durante una recente ricerca di informazioni su slot machine online e articoli riguardanti il gioco d’azzardo, è stato inevitabile soffermarsi a riflettere sulla storia di questo tipo di intrattenimento, che spesso sfocia in una vera e propria dipendenza.

Le Origini del Gioco D’azzardo

Il vizio del gioco risale a tempi molto antichi, all’inizio dell’umanità, e si presume che lo scopo principale fosse quello di venire a conoscenza del volere divino. Il suo fascino risiede nel fatto che chi partecipa a giochi di “fortuna” ne è totalmente catturato. L’adrenalina data dalla possibilità di vincere o perdere provoca un’accelerazione emotiva tale da dimenticare l’importanza di qualsiasi altra cosa, dallo scorrere del tempo alle relazioni familiari. Ci si estranea ed i problemi sembrano sparire, salvo poi riapparire molto spesso triplicati proprio a causa delle enormi perdite dovute al gioco. Una dipendenza da cui, come tutte le dipendenze, è molto difficile uscire.

E’ praticamente sempre esistito, in ogni società. I Greci erano noti giocatori d’azzardo, il gioco dei dadi era un diffusissimo passatempo, specialmente tra le classi più agiate, ad esempio durante i simposi. Lo storico greco Erodoto già allora scrisse dell’inevitabile ed infausto destino a cui andava incontro ogni giocatore d’azzardo: la rovina.

In alcuni scritti di Tacito si legge di come i tedeschi all’epoca perdessero facilmente il controllo a causa del gioco d’azzardo, fino ad arrivare, nei momenti peggiori, a giocarsi le proprie mogli. Molto interessante è anche il punto di vista dell’Ebraismo.

Il Punto di Vista Ebraico

Agli Ebrei è permesso giocare alle slot machine? Fare scommesse on line? In Israele al giorno d’oggi ad esempio, il gioco d’azzardo è vietato dalla legge. L’unica forma di scommessa sportiva on line consentita è quella regolata dalla ISBB (The Israel Sports Bettin Board).

In generale l’Ebraismo non ha mai visto di buon occhio il gioco d’azzardo. Uno degli insegnamenti principali della religione ebraica infatti, riguarda l’importanza di guadagnarsi da vivere  facendo qualcosa di utile per il mondo. Il gioco d’azzardo, chiaramente, non rientra in questa categoria.

Già durante il medioevo i rabbini del Talmud non avevano una visione positiva della pratica. La dichiarazione più chiara in merito è nella Mishnah in Sinedrio, che stabilisce che a chi “gioca con i dadi” è vietato prestare servizio come testimone. Il Talmud al riguardo, suggerisce che la ragione di tale divieto è che i giocatori sono ritenuti inaffidabili e per questo non utili alla società. Secondo ciò che viene riportato nella Mishnah, il divieto si applica solo nel caso in cui il giocatore non abbia altra occupazione, cioè solo nel caso si tratti di un giocatore professionista.

Un’altra opinione suggerisce invece che il gioco d’azzardo sia un vero e proprio furto, poiché una delle due parti coinvolte nella scommessa, in caso di perdita, deve rinunciare ai propri averi contro la sua volontà. Questo estenderebbe il divieto anche ai giocatori occasionali. La vincita veniva considerata un furto poichè il perdente era costretto a pagare contro la sua volontà.

Secondo il Tul HaAroch, un commento alla Torah dell’autorità medievale Rabbi Jacob ben Asher, Mosè intimò al popolo ebraico prima della sua morte, di evitare a tutti i costi di essere corrotto dal gioco d’azzardo.

I rabbini consideravano l’inabilità dei giocatori compulsivi a controllare la propria passione per il gioco come un’imperdonabile debolezza morale. Spesso le calamità naturali che si abbattevano sulle comunità ebraiche venivano considerate conseguenze del gioco d’azzardo eccessivo, delle vere e proprie punizioni. A Cremona ad esempio, nel 1500 un gruppo di studiosi richiese la messa al bando del gioco d’azzardo, perchè ritenuto causa dell’epidemia di peste.

I leader della comunità, profondamente consapevoli degli effetti dolorosi e distruttivi del gioco d’azzardo sul carattere di un individuo, infliggevano severe punizioni. I debiti di gioco non potevano essere riscossi attraverso i tribunali ebraici . Il giocatore era spesso messo al bando, allontanato dalla società , a volte veniva proibito celebrare il suo matrimonio nel cortile della sinagoga, non era chiamato alla Torah ecc.

La vita familiare era messa a dura prova dalle dipendenze dal gioco, molte sono le prove facilmente reperibili di quanto fossero difficili i rapporti tra giocatori d’azzardo e le loro mogli. Le donne si rifiutavano di vivere con tali mariti; picchiare le mogli e bere erano conseguenze comuni e l’educazione dei bambini era messa a repentaglio. Esasperate dalle condizioni in cui erano costrette a vivere, le mogli dei giocatori spesso chiedevano il divorzio. L’abbandono della famiglia da parte del giocatore non era un evento raro.

Non c’è dubbio quindi che la letteratura rabbinica di ogni epoca si sia sempre opposta con forza a questo vizio, denunciandolo come furto e peccato. Nessun uomo di cultura, nessun essere umano dovrebbe mai rinunciare alla propria dignità e finire in una rete che porterebbe inevitabilmente ad una rovina spirituale e sociale.

Il rabbino italiano Immanuel Aboab 4 secoli fa già scriveva: “Ho visto in Italia molti luoghi dove i signori si incontrano per le loro ‘dispute di gioco’ (come le chiamano); e ho visto alcune persone perdere e andare sul lastrico a causa dei giochi di carte, dadi e al tavolo… quante case rovinate abbiamo visto, quante fortune perse per l’amore del gioco d’azzardo”

Il gioco d’azzardo, non era denunciato solo dalle leggi e dai moralisti ebraici, anche i proverbi come “fortunato al gioco, sfortunato in amore” o “Le carte non amano mogli e tovaglie” (mogli e ambienti familiari visti come ostacoli al gioco) e i cantautori folk popolari mettevano in guardia circa le terribili conseguenze che questa dipendenza porta.

Scroll to top